Perché la Sicilia?Arance Etna

Mi ricordo di giornate passate fra gli orti e i frutteti siciliani, una esperienza unica anche per chi, come il sottoscritto, ha dedicato la vita al settore. L’incontro con produttori appassionati, coscienti di crescere qualche cosa di unico e fieri di presentarlo e di farlo gustare al visitatore lascia il segno. In Sicilia ho sempre sentito l’accoglienza calorosa, un’umanità complessa e profonda – e poi le caratteristiche dei prodotti, così legate alle tradizioni e al territorio. A Catania, sulle pendici dell’Etna, magari intimidito da questa montagna talora irascibile, ho gustato agrumi che facevano esplodere nella bocca una tale armonia di aromi da far ricredere anche il più refrattario fra i consumatori. A Pachino i pomodori affascinano come le sirene e si deve soccombere al loro richiamo… A Vittoria ho scoperto tutta la diversità della gamma degli ortaggi… e ho sognato il privilegio di averli tutti i giorni sulla mia tavola. Come si può sfuggire in Sicilia alla vertigine della storia, onnipresente dalla dorica Agrigento alla punica Trapani…e poi la greco-romana Siracusa, la romana Taormina, la Palermo normanna e la Noto barocca…? La storia è dappertutto, vi aspetta dove voi non l’aspettereste, vi impone la sua impronta, la sua testimonianza delle vite e dei contrasti umani: la Sicilia è una faglia, la testimonianza fin dagli albori della storia di combattimenti per la sua ricchezza agricola, per la sua posizione nevralgica al centro del Mediterraneo – fra Est e Ovest, fra Europa e Africa – che hanno lasciato questa terra impregnata di civiltà. La diversità della Sicilia si esprime nel breve e rituale passaggio fra Reggio e Messina, il tempo di una meditazione sul tempo che passa fra Scilla e Cariddi…Alle sommità dell’Etna io ho gustato l’insolito sposalizio fra la neve e lo scuro basalto in una nebbia tanto opaca quanto misteriosa. La Sicilia è Mediterraneo? Ai miei occhi la Sicilia è qualche cosa di più: un ossimoro, un vero prodigio di contrasti.

Jean Harzig – Végétable

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *